x
x
x
Genoastirling Motori Stirling
Genoastirling Test Genoa03
Genoastirling video presentazione
Genoastirling English

La nostra esperienza

Il nostro interessamento a questo tipo di motore nasce nel 2002 quando abbiamo iniziato presso l’officina del DICheP, Dipartimento di Ingegneria Chimica e di Processo, Facoltà di Ingegneria, Genova la progettazione e la costruzione di un primo prototipo di motore a combustione esterna di tipo Stirling.

La ricerca condotta, fin dagli esordi, era finalizzata al tentativo - grazie alle nuove conoscenze tecnologiche e a sostanziali innovazioni nel metodo di costruzione - di realizzare un motore Stirling di dimensioni e costi ridotti in grado di esprimere una potenza sufficiente a renderlo economicamente appetibile per il mercato domestico e delle piccole attività produttive.

Tra il 2002 e il 2008 la ricerca si è sviluppata con la realizzazione di diversi prototipi di Stirling perfezionati di volta in volta sino alla realizzazione di un ultimo prototipo in grado di generare una potenza di 800 Watt.

Nel 2009 abbiamo fondato Genoastirling e sulla base dei risultati ottenuti abbiamo sviluppato un prototipo di motore Stirling di potenza nominale di 1 Kwe in otto esemplari.

Sette di questi esemplari sono andati a centri di ricerca e Università in Malesia, Cina, Bolivia, Svezia, Canada e Francia

L’ottavo esemplare completo di caldaia è stato installato presso il CRIBE (Centro di Ricerca Interuniversitario sulle Biomasse da Energia) di Pisa dove nel corso del 2011 e sino a metà 2012 sono stati effettuati una serie di test sia di potenza che di affidabilità

In relazione alle quattro principali innovazioni tecnologiche apportate alla struttura classica del motore Stirling abbiamo ottenuto relativo brevetto

I risultati dei test hanno permesso la definizione di alcuni parametri in relazione al prototipo da 3 Kwe che è stato successivamente realizzato nel corso del 2012 in 5 esemplari venduti a centri di ricerca, università e clienti Italiani ed Europei.

Con riferimento a due di questi esemplari sono stati eseguiti e sono tutt’ora in corso sotto la nostra supervisione test di potenza e affidabilità.

I motori Genoastirling frutto della nostra ricerca presentano le seguenti caratteristiche:

Semplicità di costruzione: il motore può essere completamente disassemblato e riassemblato con utensili di uso comune in poche ore da una persona con una qualche conoscenza meccanica di base.

Versatilità: i motori possono essere utilizzati sia con bruciatori a gas che su caldaie a biomassa (pellet, legna cippato, ecc.).
I Test sono stati condotti sia con bruciatori a gas che su caldaie a pellets, a legna e a fiamma inversa senza bisogno di apportare modifiche allo scambiatore caldo del motore.

Assenza di lubrificazione e limitato uso di guarnizioni dinamiche soggette ad usura: Al momento è presente una sola guarnizione a tenuta rotante all’uscita dell’albero che potrebbe essere eliminata includendo il generatore elettrico all’interno del carter

Utilizzo di aria come gas di lavoro, anziché elio o idrogeno, per permetterne l’ utilizzo anche nelle località più isolate.
Naturalmente con l’utilizzo dell’elio i nostri motori esprimono una potenza superiore (circa il 40% in più) ma allo stato della realizzazione è difficile prevedere la totale assenza di fughe nel lungo periodo.

Resistenza ed affidabilità: tutti i materiali sono stati scelti e testati per poter operare nelle condizioni più gravose in particolare sul lato caldo normalmente soggetto ad ossidazione e corrosione oltre che a fatica (un motore che gira a 600 gpm ha 10 pulsazioni al secondo con un salto di alcune decine di bar ad una temperatura di 700 - 800 °C o superiore).

Il motore comincia a girare a 550° C e lavora normalmente ad una temperatura di 750°C (temperatura tenuta durante le prove). Può comunque lavorare senza problemi anche a temperature più elevate (fino a 1.000 °C) grazie ai materiali (AISI 310) utilizzati.

Può essere abbinato ad impianti e tecnologie esistenti, o comunque disponibili sul mercato, trasformando semplici sistemi per produrre calore in impianti di cogenerazione

Video Motore Stirling Bicilindro
Esperienza sui motori stirling

Prototipo “Bilbo2” 800 Watt nominali

Esperienza sui motori stirling

Prototipo GENOA00 0,5 Kwe nominale

Esperienza sui motori stirling

Prototipo GENOA01 1,00 Kwe nominali